AddettiAntincendio.net

Teoria e quiz interattivi per la formazione del personale addetto al servizio antincendi

SIMULAZIONE ESAME

I quesiti a Risposta Multipla (10 domande) e i Vero/Falso (20 domande) sottostanti sono stati generati in maniera automatica dal database utilizzato per l'Esame di accertamento della idoneità tecnica per il personale incaricato di svolgere, nei luoghi di lavoro, mansioni di addetto alla prevenzione incendi, lotta antincendio e gestione dell’emergenza.

Quesiti Risposta Multipla

Per la protezione da un incendio di un centro di calcolo è preferibile usare:
Gli impianti sprinkler a diluvio sono dotati di:
Un cartello circolare azzurro secondo il D.Lgs. n. 493/96 segnala:
In un compartimento di classe 120 di resistenza a fuoco una porta deve avere resistenza a fuoco pari a:
La mortalità per incendio nella maggioranza dei casi è da attribuire:
La sabbia è una sostanza la cui principale azione estinguente è:
Di norma la lunghezza del percorso di esodo deve essere non superiore a:
Gli elementi che caratterizzano la resistenza a fuoco di una porta tagliafuoco sono:
La resistenza al fuoco è:
Una schiuma può essere:

Quesiti Vero/Falso

Fra i composti delle polveri vi possono essere solfato di ammonio e bicarbonato di sodio.
Il raffreddamento rappresenta l'unica azione estinguente possibile in caso d'incendio.
Il fosgene è un gas a bassa tossicità.
In caso di principio d'incendio si deve tentare lo spegnimento con qualsiasi mezzo e ad ogni costo.
Il fumo è un prodotto della combustione che determina la diminuzione della temperatura.
I prodotti della decomposizione delle polveri separano il combustibile dal comburente, raffreddano il combustibile incendiato e inibiscono il processo della combustione.
Una temperatura di circa 50°C sul corpo umano non provoca danni.
Gli ambienti in cui sono previste lavorazioni con fiamme libere non occorre che siano accuratamente controllati.
E' detta temperatura di infiammabilità la temperatura minima alla quale un determinato liquido infiammabile emette vapori che in miscela con l'aria possono accendersi a seguito di innesco.
Un impianto automatico di estinzione incendi ad acqua frazionata è un valido impianto di protezione nel caso di incendi di classe A.
Per evitare che la combustione si verifichi spontaneamente (senza innesco) la temperatura dell'ambiente va mantenuta al di sotto della temperatura di accensione.
In caso d’incendio, se l’azienda è dotata di una squadra di pronto intervento interna non serve chiamare i VVF.
In caso di incendio in edifici civili o industriali è fatto divieto assoluto di usare i montacarichi.
Gli elementi che costituiscono il triangolo del fuoco sono: il combustibile e la temperatura.
Per un efficace intervento un idrante UNI 45 deve avere caratteristiche idrauliche pari almeno a: portata = 120 l/min e pressione = 2 bar al bocchello.
La segnaletica di sicurezza deve indicare fra l'altro i muri tagliafuoco.
La reazione al fuoco è il grado di partecipazione di un materiale combustibile al fuoco cui è sottoposto in condizioni specifiche di prova.
La resistenza al fuoco di una struttura si esprime in minuti.
Gli evacuatori di fumo e calore consentono, fra l'altro, di agevolare lo sfollamento delle persone.
La temperatura di accensione o di autoaccensione è la temperatura alla quale la miscela combustibili-comburente inizia a bruciare spontaneamente in modo continuo senza ulteriore apporto di calore o di energia dall’esterno.

AddettiAntincendio.net

ASSODOLAB, Associazione Nazionale Docenti di Laboratorio

Ente accreditato e qualificato dal MIUR per la formazione del personale della Scuola - Direttiva 170 del 21/03/2016.
Via Cavour, 74 - 76015 TRINITAPOLI BT - Italy
Telefono 339.2661022 - P. IVA 03039870716

PUBBLICITA'

PRIVACY: Questo sito utilizza cookie di terze parti (Google AdSense, Google Analytics) per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. MAGGIORI DETTAGLI